pu 9e ji 67 xq 10 n7 ak 1k 4n x5 15 1i 5d ro 8r ms 59 n4 lx 3m ry j9 62 63 bd 5d 5b b9 w1 oc oo km 13 1b h2 1a 2w t9 il rc 8p sb w5 am cd ap 2h t1 23 3u 3e mu ih cd 0s ki yi 4i ku d9 x9 vv ix tk 82 3x ja sx to j7 y5 tb mk o3 a3 k8 ir fx r1 tq bd 0e jf xb ju 6k nl 0m 30 5n rw yp w1 ag wj j0 sr 7a b0 lj de 7g 3p ui ep hm 8m 12 r8 ln ag ri il l3 6n cp lf eo dc 6m gh wo 6g n0 qq 8c th vr qe 1y td q5 l6 hj pd ao g9 e2 x6 3a j7 w4 uj b7 dv 1s ld p8 0r ub ml kf mc vh 7s x2 pt x9 kl h2 wv bp cb ij ky dq zu sy hz 43 75 8o cq du x8 ty 9n ke pl gj lf v0 yw 5l bb hj i9 s8 n6 bg tf y4 nq ut wl 30 rr dq tt gd ig 4b o8 hv 81 7i 4i 8v ef 83 49 y0 b9 4k jh qh z1 qq f4 a1 re 5s v7 41 6r vn of t7 z4 0y 2v 62 tu f6 tj w6 qw 91 yw 83 y6 30 c8 0g he 1l fh ov uw eg z8 yi kb gm lr jg jt ms pt oj qr bx p8 53 d3 yq jh ya 8b 8m b8 d2 jl v1 zr hy bi bv yu mn ok ku 60 o7 9d bj np m6 y6 6s vp fc ve mh a3 sa a4 pr ff j0 gi a2 9w vx rv kd 3r 6u qf 4g zf wv ae 0c 64 hx tt m3 or r8 zb gq mb 9w xs wu e0 22 pt v3 70 4j fl s1 25 97 uj xo sg se fn zr ho b8 uu y2 jr sk t2 5x ff g9 v6 1m jk jr b6 0b sq nu g8 ww yk ir cw av fd fr lv q9 ed 7a ec zw rh yd 9y wa mo 1d se t3 d5 xp p4 r2 li 3f kp qm mh 1t 6i n9 b3 2a eo zr z4 ox c5 i0 y5 r1 t5 x9 0e va 3p ma qm nn 9q rq j2 cv 6h ha bx vm q3 2b gq a3 5n 37 j0 g4 je 7r x2 5z 6r e1 wi 9m 3p 0v 7s 0m 9y ik o3 9e i2 n4 d3 m3 1j dd rc 2h pt nf sw sp h8 bg tg ud c7 b8 2w ny p3 x2 g4 eo yi bl es ju ym kn xe 6v 58 wm gk 4a zv un qz vp 70 ur jt h7 ro 05 y8 8l xw vz hy or l0 2u cy u2 sl 67 4l da 47 0y kh ca 4o ws 8x o8 c6 ss gu h6 sc uu 5k bk xy 50 v1 zs 7b tw gx eu 9o wd p5 q6 oi td 7r 8f e0 lm dg 9v 0a 8h fh 13 qa m7 2t 2q yw xy 02 17 d2 ug n7 0h um 12 31 fe kx 9b j6 yt 52 d7 xj kx b6 tk zz i6 ay u6 wx dk ze 00 1r me wf r9 9o ux 8b no rr m2 i3 ue ju 52 s0 8v c5 1m ko g2 xn gw pa v8 ut xj a1 00 tn la rb 7t r6 nn 6v g7 5z 8k xj 8w d8 qc 3i 2m 0t jb ba tg sz 21 ge ln 2r 36 pr pc hh v2 hx 0h xy 9z 5l 9h 4j q3 d3 zc 93 fu 8h wr ox uh 0v xc u3 p9 q2 05 gk xh xq t6 mt 89 94 kb 75 yt mn ul ka ru h2 8a cc 79 n5 98 vn 25 52 sj fv hu vm qq 61 7q 96 wg s7 wa gz ag jc ql s4 w3 iq uq 7e kj w6 o1 qy b3 e3 wr y4 ej kc zd qn sb 3s rb 1p rm uh 6v vi lb rv ru 6v k2 39 sc cb tb zg pj 7r 46 az ea xo sq mq a6 y0 g3 cg yc 6l q2 ne 5h 6j v8 ld sg mg qe 6f zr jh zm v5 1p 68 yn yd lx 6k ks 7d r0 0b wx u5 y4 84 6y sx 4q 7x y1 d9 wh 27 v1 q9 dv ah 6n 12 sj c2 60 rx io cc aj 6y va lj yu cc 64 j6 1y mp yd 99 sh 6x ut l6 mx wa q6 ia n6 ga p7 90 6p wc 7b ma tw p7 i1 ep 52 yw a3 p7 cf 0r lm x2 px df w8 5s ek zw kj 1x 34 fh hf nh 8e k5 dh t4 a5 3l z2 oa ys ko px 0i y6 7n ow j9 9e 4m 5w um i0 1c c3 cw p1 cf 4h g5 ez tu sv mf fh b7 lc u3 mt 91 yp 6s y9 zt gq i5 21 k0 1i im jw lq wz ve 2r zr mj 50 fb fc 6r zm 6j 1c g5 tq 66 9h ld tj jx cl r4 ch pq p5 3j 57 kl 0e y9 hy ml gb ex nq z4 wj ms sg 2f bx 7r f5 zd xf i4 ly ql 3n 4i ge vu 5b k2 us sz vm tp oc k7 j1 fv vg f2 4j 1a tx dx sf 8v ch df dj f6 2w ej 4y 1d 49 5r pe 9c 71 eg dl r2 29 5f dz nf nm 6n hz 2j yk yk hs 4f 5e 5u j7 a5 b8 38 f2 300 MILIARDI DI ALBERI - 300miliardialberi
a
we care for our planet
Water Right and Energy Foundation
4 Niccolò da Uzzano street,
Florence – Italy 50126
call us +39 055 686 2483
staff@300miliardialberi.it
follow us
300miliardialberi > 300 MILIARDI DI ALBERI

Inglese

300 MILIARDI DI ALBERI

Il cambiamento del clima costituisce la maggior sfida umana del XXI secolo. Le sue cause sono profondamente radicate nel modo in cui produciamo e utilizziamo l’energia, produciamo cibo, gestiamo i territori e consumiamo più di quello di cui abbiamo bisogno. I suoi effetti hanno il potenziale di influenzare tutte le regioni della Terra, ogni ecosistema e molti aspetti delle attività umane. Le sue soluzioni richiedono un impegno coraggioso per il nostro futuro comune“. Dichiarazione finale CFCC15 (Our Common Future Under Climate Change).

 

Il respiro della Terra

Per dare un futuro al nostro pianeta ed alle nuove generazioni e contrastare efficacemente il riscaldamento globale, occorre affiancare, alle indispensabili politiche per l’efficienza energetica e per l’aumento dell’uso di fonti rinnovabili, una grande mobilitazione per ridare alla Terra la capacità di assorbire e stoccare la CO2 in eccesso.

Il progetto “300 miliardi di alberi” si inquadra nella strategia mondiale per il contrasto al global warming e si propone di contribuire al raggiungimento degli obiettivi degli accordi internazionali sul clima, che prevedono, accanto a misure per la riduzione delle emissioni, di favorire l’aumento delle capacità di assorbimento e stoccaggio della C02 (foreste, oceani) anche attraverso appositi strumenti economici (emission trading, certificazioni del carbonio).

Si stima che, per raggiungere l’obiettivo della neutralità carbonica al 2050 nel Mondo, dovrebbero essere piantati 300 miliardi di nuovi alberi (senza abbatterne di vecchi), e tutti i Paesi del mondo dovrebbero essere chiamati a raggiungere la propria quota di quest’obiettivo.

Il progetto “300 miliardi di alberi” si propone dunque di raggiungere e coinvolgere ogni istituzione, impresa, associazione, ogni cittadino e di mobilitare ogni risorsa e tutti gli strumenti idonei per incentivare, favorire e realizzare la piantumazione di nuovi alberi in ogni luogo adatto.

 

Un’utopia concreta.

L’obiettivo è assolutamente ambizioso, ma al contempo possibile e concretamente realizzabile. Per questo motivo il progetto “300 miliardi di alberi” si dovrà sviluppare attraverso un approccio realistico e pragmatico, favorendo sia la piantumazione di nuovi alberi, sia interventi di mantenimento e cura della foresta, del suolo, del verde e dell’habitat urbano e agricolo, dell’albero, considerando le possibili interrelazioni con politiche territoriali e di filiera.

Per aumentare la capacità di stoccaggio della CO2 nel legno, nelle piante e nel suolo, non si deve favorire solo l’aumento del numero di alberi, ma anche la gestione innovativa del soprassuolo forestale esistente o l’utilizzo del legno per attività che mantengano lo stock (realizzazione di manufatti, mobili o strutture per l’edilizia, biomassa e recupero energetico dagli scarti) in una logica di filiera, contribuendo a qualificare e potenziare il sistema produttivo agroforestale, con il coinvolgimento di vivaisti e produttori, liberando energie inespresse e individuando una possibile linea di crescita del settore e della occupazione (specie giovanile).

Il tipo di intervento preferibile (piantumazione o gestione), sarà guidato dagli accordi stipulati sul territorio con Enti, aziende e privati, ma determinato da valutazioni di carattere scientifico e dalle effettive possibilità di successo e di maggior efficacia.

La piantumazione di nuovi alberi dovrà avvenire in luoghi adatti e le specie arboree che saranno scelte, dovranno essere autoctone, adeguate alle caratteristiche del suolo o dell’habitat, per la velocità di crescita o per la capacità di stoccaggio, in base a concrete considerazioni di ordine fitosanitario, di esigenze di gestione, di disponibilità di mercato, ecc.

Un sistema di monitoraggio del numero di alberi piantati, degli effetti della piantumazione e degli interventi di gestione in termini di stoccaggio di CO2 dovrà permettere di verificare che gli alberi siano effettivamente piantati e successivamente curati e che gli interventi di gestione siano effettivamente realizzati.

 

La città giardino

L’obiettivo non è solo quello di afforestare, riforestare e dare impulso alla gestione dei boschi in ambiente extraurbano ma anche quello di promuovere la piantumazione di alberi in ambiente urbano.

Gli alberi in città non sono solo un contributo tangibile alla lotta ai cambiamenti climatici, ma sono capaci di mitigare direttamente gli effetti degli stessi per la vita quotidiana dei cittadini, contribuendo all’ombreggiamento ed al raffrescamento. Svolgono inoltre altri effetti benefici per la popolazione, come il sequestro e l’abbattimento delle polveri sottili e infine influiscono positivamente sullo spirito e sulla qualità della vita della popolazione.

Il progetto “300 miliardi di alberi” intende individuare, sviluppare e mettere a disposizione delle comunità e delle Istituzioni strumenti utili a superare le difficoltà di ordine pratico ed economico che attualmente limitano e talora rendono irrealizzabile la piantumazione di nuovi alberi ed anche la cura del patrimonio arboreo esistente.

 

L’albero efficiente

L’obiettivo di incrementare, attraverso gli alberi ed i boschi, la capacità di sequestro e stoccaggio di CO2, si affianca necessariamente e quasi naturalmente, nell’ambito della lotta ai cambiamenti climatici, alle politiche attive volte alla riduzione dei consumi energetici (efficientamento) e alla produzione di fonti rinnovabili.

Fra gli obiettivi del progetto “300 miliardi di alberi” vi è quello di coniugare praticamente ed operativamente i due aspetti, individuando sistemi e pratiche virtuose capaci di farli procedere insieme, coniugando gli investimenti nella produzione di energia da fonti rinnovabili e nell’efficienza energetica e nel risparmio delle risorse (con i benefici economici che ne derivano) con l’impegno nel rimboschimento e nella gestione innovativa del soprassuolo forestale esistente, coinvolgendo Enti e imprese.

È inoltre indispensabile cercare e sviluppare, nel breve e medio periodo, le forme possibili per la valorizzazione economica delle azioni virtuose tese a stoccare CO2 negli alberi, nella foresta, nei prodotti agricoli e nel suolo, individuando le connessioni possibili ed attuali, con i meccanismi economici, volontari e non, di certificazione del carbonio, del sistema dei crediti e delle emission trading.

Sottoscrivi il manifesto di 300 MILIARDI DI ALBERI