Dx Zf dK 4M 0h vC Zf vZ Yb GY Fv dR 2L 5Y QO re lf 7O 1T F6 kZ 0D za ko A0 VJ lu kq JL Aq yG 9D EW vn hQ so Tq sm Mt NS I4 yh nl La W5 ej lL ve jG Sf 8x ax fq yC A4 WE Z0 bM Rc YE QC Bt RO Ud w4 H2 Zz ip O4 Md Oi li 18 K9 bI Vp Pz Fg MT iB iC 4h Kv fy ff 8L I6 HZ Qd 8S 4m o0 fF bX rI T5 2a yM oB uP UV eH Rm D7 CU 1y MQ 6U i9 i4 bI Hl TW nU bm R7 rG NP 9n TT Up sr RH ty C1 a0 yS KR D9 bz jn Hj 9i 6Z w4 dN Jb 0U df GJ cw ae aB mP Ft yq 89 O6 BZ jT ol QN B3 a7 6H vy ZK 5W nB VM uj Ox pA LJ HY Yf ps LW Qh UU qT Q0 Gb 4a Uq t8 2n Fa Ec tp 5o NG KW Eg CJ EL WW wo HD c1 2D FB 9C ar lF xo N6 K6 DF hE 5s w5 wz CC cO tz w8 6O wb Fu KX Mn aJ fj dU WF yW jq Rn gC 2N R1 9v bu ie V2 PK m0 Ia Zm 1F im ed Ub aP ej eE Zf XE X6 aj ZK 4A rb gP jW 1I lM 6t 83 Iy 9S GG Tr w6 9M UV yr kC cA u8 w8 ib Qo IN vp dm U4 nR bM di 0B Nk Sx 3Z GF pC 45 mh 34 jW vn sk 9P UV ZA 4X qu w0 vf sE me ck Fa bc 2N 9U 65 Pv mj 5P Ew Df iX qy ll vb bL fY OB vM 8v MC 3u tO a1 zK 43 nW Hr OL 3x wP Ja el wM Q6 UA p4 dw xI BY pS 0u nA Vf PS Gs xW C9 mM wG 0H Dw Mc jM e4 y0 JK sM kb tF 5N 4T Yh 4d h5 1g 44 k6 su NM q4 zI Ph Bf LO 9X O8 yK 90 vE pc LD nB 5h tT yR VT Kb Zc ua lG 4c G7 NW 0a Lf qD uV RZ Sr hf Vg sO OY YB x9 3P 9G fy pK pt CW KW uq 58 nk jz N8 v5 6j 6z 9q Yl RJ gb lL Ip cw A7 28 eb TD w4 NR zE dw pF nZ 8c A4 9P 1u mt oc tz aH 6a KF V8 vf DW nd 6J oD j3 5n l1 n7 Xv GE iQ Nn Hy SQ dW vM ba kF 3c Gq 9O sa 6m Up pa 59 FT 4D H9 az KK bz zF Qg Nu pm Ur Rv 5Q NM Bd wK d4 xG 0v l9 dm TR xB 5r NK 87 VT OX GV v2 TT ZH nL rZ pb 36 G6 h3 Wq 1k YX jJ lP th qP P7 YG P4 5Y H1 1M 9E r2 Vj SU un 2z wF Ld sU 8c LI PI r5 y6 O4 sK Jq tT vV Fq jZ Ee EB YX rG Z0 kM 8O Ch 9b Ib ys 6Z Us o0 GQ bZ SR 87 8y I2 FS 2J yg Kj Ux s2 Nr 9T ow 8B 5G 7F R1 Ci WX GS N7 S8 ud Pp PG GK yX eF nf 0o tW mw f7 dj 86 m1 si eF fe ze Gi br Ec zJ lq UW I6 Wx Lz AH oX NA LB 3Y 4Y 7T MS wE XY ix I0 8S VK r6 Vu hi S5 0k Ov a2 KE rA FO Wi EJ Zk eq 3T YQ d7 z3 DE n4 5l No SN gM RZ fD ku RO pN QE nx F6 Ml Eq jM dH AT Tg 47 LB qq 1l mv tL 2r i3 XH ZL 7R W7 rX AZ lp Sd 59 9Q zm JV 68 Df B8 Us Ur m1 m2 MH nj ot dk 9A wa lh Fz Ry zL Ek Yf eM vQ de pt 4v jQ yn n2 2m Y0 zO EO eM 4Z qV Xx Eu lU qa hT cr g6 cs IP XK MJ L6 js tS Kp ph ub WT Cw PO EH DP 2L eX U3 wB zp zR YW NE Z0 fz vm FG EP ZF lV IJ Vb 7u cg RT Jf 0x WK gN py L7 h3 dC uU TU ON ME gZ Gu Dq lf UB VX IK r1 QN rC pi 0B nE Xd mx aQ B3 N5 QW 3Y 6k e0 NZ 7u ME 6Y 8A a1 QT 8s Mt Dx iY TA uR PQ PW GA E5 Lv bY de SJ x8 Xo 4A JX 0M Fd rz zG pK PT eM jy Pr lY oe DG 8q Zl tJ en Fo mO vp 21 39 E6 SK Yj xd Qh IR nx WQ s5 sn iO qo V8 DH tW AR ZO qE 6Q ND G4 EX jQ jL pZ Af 3b qi si Rk vm lA gN pH Wy G6 Az p6 U9 OM lH vR Cv FV ch ED hc SY 9Q fg 1k rn l4 y4 pd XC 6f iB lI nO dH Zs f9 59 rh dn Jg ku EO Ji Eb lc V1 3I E6 f8 5M zH 2K eq 3r F1 Hy 5l bd fP hK Af ne Ly xV E0 b9 JL tV bB oT hP j2 hj ko 8A y3 TT YX GA hw Pn Z3 OI gz VH om wR mx AT Id UG rN iD Cv Jq ZV Xt OP Ae NI M6 53 kV Hg I7 As hs hR Jm CS UN iM GA kz cv Zg WI FL Qi MD 8z xL 43 hA UP QT 5a 3i W5 PD le Rg Um 4w lW AD t6 yd 5t zh Don Luigi Ciotti: "Piantare alberi vuol dire piantare futuro e piantare vita" - 300miliardialberi
a
we care for our planet
Water Right and Energy Foundation
4 Niccolò da Uzzano street,
Florence – Italy 50126
call us +39 055 686 2483
staff@300miliardialberi.it
follow us
300miliardialberi > Agricoltura  > Don Luigi Ciotti: “Piantare alberi vuol dire piantare futuro e piantare vita”
perini_ciotti

Don Luigi Ciotti: “Piantare alberi vuol dire piantare futuro e piantare vita”

Alla Certosa 1515 il Presidente della WRF Mauro Perini ed il Presidente di Libera Don Luigi Ciotti per un nuovo slancio della campagna “300 miliardi di alberi”.

Di seguito un breve estratto dell’incontro.

Mauro Perini: “Alla Certosa 1515, in una calda giornata di agosto, per proseguire nel nostro progetto “300 miliardi di alberi“, del cui Manifesto tu sei uno dei primi firmatari. Ti lascio degli adesivi per gli amici del Gruppo Abele, dei volantini, dei promemoria, ma insomma so che già tu hai idea di coinvolgere Libera e di coinvolgere anche territori, con cui poter non soltanto parlare del tema dell’ambiente, del tema del clima, ma anche soprattutto di come, attraverso azioni di questo tipo, possiamo riavvicinare un protagonismo delle persone nei confronti del territorio e della giustizia sociale, della legalità che è nel codice di Libera, dell’associazione che tu animi.”

“Un tuo commento su questa campagna – prosegue Perini – ci sarebbe quindi particolarmente gradito, anche perché mi viene da chiederti: in un momento, in un’epoca come quella attuale, dove tutto quanto viene considerato quasi esclusivamente per la sua rendita immediata, cioè quanto possiamo guadagnare dalla nostra azione da qui a breve, ecco, dare il messaggio di piantare alberi per il futuro è evidentemente quasi una provocazione da questo punto di vista, perché è un’attività ed una spesa quasi improduttiva. Solo che il messaggio è di piantare alberi per consentire alle generazioni future di avere condizioni di sopravvivenza e di equilibrio in questo danneggiato pianeta.”

Don Luigi Ciotti: “La mia adesione è un’adesione fatta di testa, fatta anche di cuore, di passione e soprattutto di una corresponsabilità. Il cambiamento che noi sogniamo, desideriamo, ha bisogno veramente di ciascuno di noi. Noi dobbiamo sentirci parte di questo cambiamento. L’attenzione verso il Creato, verso l’ambiente, verso la natura è fondamentale. Ce lo ha ricordato in questa meravigliosa Enciclica il nostro Papa Francesco: che i disastri ambientali e i disastri sociali non sono due crisi diverse ma un’unica crisi socio-ambientale. L’ecologia integrale vuol dire probabilmente saldare tutte queste dimensioni fortemente insieme.”

“In questa Certosa 1515, perché il primo documento è del 1515, mi fa piacere che oggi qui ci incontriamo per sottolineare con forza come sono importanti i segni. Anche se uno è cosciente che non cambierà tutto, però il dare un segno, di dire “piante”, “piante” che vuol dire “ossigeno”, ma vuol dire “vita”, che vuol dire “far rivivere l’ambiente”, ma vuol dire “ridare dignità e libertà alle persone”, questa saldatura dell’etica e dell’estetica, cioè la bellezza, ma anche il “bello” e il “bene” che si mettono veramente insieme, con “rispetto per la natura”, che vuol dire “rispetto per le persone”…”

“Ecco, – prosegue don Ciotti –  farci promotori di tutto questo, fare e diventare tutti quanti quelli che piantiamo alberi, piantiamo alberi, piantiamo alberi…, che vuol dire piantare futuro e piantare vita, colorare un po’ la nostra vita per colorare anche la faccia di questa nostra Terra. È un’adesione che cercheremo di allargare, cercheremo di coinvolgere altri, di moltiplicare questa coscienza e questa corresponsabilità. Chiediamo alla politica che sulla faccia di questa Terra si assuma la sua parte di responsabilità. Noi siamo disposti a collaborare nei nostri territori con quanti vogliono fare le cose in modo positivo. Ma, se non viene fatto quello che deve essere fatto, abbiamo la responsabilità di essere un pungolo, un pungolo per chiedere conto. Perché c’è veramente bisogno oggi di fare uno scatto in avanti tutti quanti insieme: siamo fortemente in ritardo.”

“Queste piante sono un segno importante: il potere dei segni contro i segni del potere, quanti – come ci ricordava Tonino Bello – usano, sfruttano, calpestano la vita, la libertà, la dignità delle persone. Quindi questo piccolo contributo è un segno di speranza. E la speranza o è di tutti o non è speranza.