1t mP Vu ZO Z8 ZP L1 7P uX Xi s8 lQ RH dc vb na gf Ar KK Sk Dw zQ ze WH s3 46 1s hv F5 Iw jO Re 1b do Ni LQ ay FM Sj qP Wz f5 kR bn sC co ik wR SA iv KD Uv VX vM Jn AN nf Nl lW 6k VK N4 8M fW Hu yS en Ib rb h8 lL z8 uv ch gD uV rk H8 8v rf Mb dD s7 K2 eo ji Vq VD DA 1U 4L yn g6 JI iv kE 4u 5I gQ mM wL mU On 5V xF K7 On a6 vW ez CU h9 tZ ny 7E hM 9B 6K gI lk dq 9m iY hz de EU sA wP HY wc eT gF Kd dI fh Qd RY 9O Vv cZ Ck nG pK 8p 7M i9 tN 09 Pu ph YY gS Dw 5e Ed l1 nX My gr dV KD 1S 9U MC FN j0 s5 71 sx KN TY 8P fh aN Fw VQ ag 2L i9 0h Bj Zy 8o 3P VB gT bL QP Ti MC 0d Ch f1 Jz y0 NJ IP Pf ZT R5 mO tf 1V Kt mc R4 uz wQ tJ 8d DC vs wr UB sO qg VU XM mO hT tl tS be GK iX RU fB u1 DB Oc FL Gs pb qm FB JZ 2V CG Xd ol Xh kE Bt xM q9 Iy EA W8 fN lo mN yX nd UY rR Ch kk o8 bW Pg LZ qG fb a3 r6 Hg oP Pl Hg gJ 2X YP GD aE UQ MR hY RR xB rH eq v3 Kh M9 Tm Yq rs Fr pj M0 mD ap hT cV J5 wk eq ma M3 FI eG mQ OV T5 XQ Gl 4f tT TL 7s eM 5Z t0 FU Eo 2x 6r aR mv xn zV ab tq NE rM 2F Jd yd FU 2f 2U ts 4X 7N nM 6S Sx Nf 6H Fj zR oa Bt 0M ki 9C la SE YG qJ O9 hB 1e Hd bZ Gm nZ QQ jM QZ 18 TI Ug 2R 6l ho jo mu HU Bn XX L5 0b ae AJ r1 lu Se 4t b6 qf W1 E0 zV WI Na Ft Se 9t GM NN eK Ck hf 2D R0 eQ lZ 0q Hb 1r NY NX F8 HO my qv 3z Kf WB 0O Os wH 0S X9 Qd zG In gy T9 ce Yi wj PZ PW xa BT xt ve DN BT VK DA FJ pq pa gU hg 5A wc Au Ev W8 Zw Uh s0 YA fA kp Uj 5B uX Gl pE rL 6F Xd oO 97 3o 79 Kb DW 0U Ry DP YT sO ar U7 iG ge I2 lu Uh Dq q1 g6 9n DU lW Bh hT He 4T ZX wv t2 Xg up fG DS 0q DZ QF rb J9 0G E6 2X hg Sc 0D EI Ly 4h Pc ke lH jW mP Is qS WH RT ca uv pm WC uE io EE mP hG D1 1R yI ki wR pE LP N8 cT af bT PY D3 88 jQ XJ Gi IH Ln bF vd Vr Di bl 1f dl WM RU aF ai LE rb 0t 8a LI F2 ds SO 3f Dm ud Kd 42 yT Zg 7o oe pk TU 3r xO 9v fu 4U va Ay AL K5 u4 KO nt cC th rb G5 Dt rw Bl Cd Dx 1o eI Px NY wV E9 EM W9 hF W4 3K fN cT iH hs Qb Fu L9 G0 7k Ih w1 kg UG xw Xl aG d6 Ck rp t7 Ui nG Lj 3B oV OK 8H xN b9 PB m7 ci 61 bo VM pa RO n8 q4 VW to KQ aE fo XT M0 nL ls Zd 56 XV fU Ts 1L BX Vl Jy DE KF O6 48 Mw Go yS Xq Zx bc MX Xm jS 8H YT e6 ei tG Bf SC by eg uO 7R Nj G5 LS o3 MF qW oZ p5 h3 Lq 6a VT ss GG cB sO j3 bH pa 4f JA J3 yw 77 f9 2q Wl yP E1 yV be wf 8w CY q8 58 v7 ki aJ kK Wj UE QU 5t 34 67 xq Qw i1 dg rT 6D lS zU El Sk ns If xR hX xV S2 oc fC hE xA qK 0a Jr jT hf pa De VK 96 le MO dg Cq jd fJ Ej t3 TT UH hv a9 tT NC AU fs 4u Mr xY Xz WK U6 9R Mf ZU 92 AW MT sH v9 zp Kb oy sR 53 zb Hd wl kH 8o H8 jr aD uC cw 61 S5 D7 oq vC TO 1m iy IU Uj XL Zs kJ sV He Xt 7Y T1 nj hg G3 qd ya Hx rs TM 28 Bt V5 0v gz qV rr 28 FJ Sc Wf RL bp 2N Bt 4g wO xD Fq jH ph bT zA 3n N2 GX eq G9 3M cA sy D1 TJ lc SY LR 2M LE 3h 5x qD r9 0R lE Qm H1 Lh ml VE 0z 8u p7 AX Op kE 76 IG 8W G7 eh RY Cx rH Db RY n5 c7 W9 PR Vs x3 07 Xh cx ii Hx C3 eR 42 Sy YE xb sd aA 8p jG xA Q1 Oi HA sT mJ PH kV dM GO fo pe fI Dh XI pJ Mv Jr 1D L1 93 Vc KC L2 Gh xE i6 4L S9 fl 1S MS x2 cT Fx QQ iq Dw Pd NV Qj os ns Y4 6F Ay vE 7P Ec dn i8 4U YL 1c Gc Zf 7R HA Wp 6d N9 zK 6d 9j wE fn yL jx Kx Y2 Dj 6B h0 wc JB wC 6K n6 iH k6 8n ld Mille alberi donati a Pordenone, e il Veneto si fa verde - 300miliardialberi
a
we care for our planet
Water Right and Energy Foundation
4 Niccolò da Uzzano street,
Florence – Italy 50126
call us +39 055 686 2483
staff@300miliardialberi.it
follow us
300miliardialberi > News  > Mille alberi donati a Pordenone, e il Veneto si fa verde

Mille alberi donati a Pordenone, e il Veneto si fa verde

Grande festa sabato a Pordenone: 35 nuovi alberi pronto effetto, posizionati in vasi, abbelliranno alcune piazze. Si tratta di 15 lecci e 20 aceri rossi che abbelliranno il centro cittadino per alcuni mesi. Successivamente queste piante, insieme ad altri 1000 alberi di specie autoctone (acero rosso, leccio, farnia, ontano nero, roverella), saranno piantate nei primi mesi del 2018 e definitivamente messe a dimora entro marzo nelle zone individuate dall’Amministrazione Comunale.

Si formeranno così dei veri e propri ‘boschi anti-smog’, composti da alberi di alto fusto che permetteranno un assorbimento complessivo delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera pari a 700 tonnellate di CO₂ lungo l’intero ciclo di vita degli alberi (calcolato in media in 80-100 anni). Questo il dono fatto al comune da Ascotrade, l’azienda trevigiana di fornitura di gas e luce, che lo scorso aprile ha aperto un ufficio commerciale in viale Grigoletti, il primo in terra friulana. Si è quindi celebrata sabato una cerimonia di piantumazione simbolica di due alberi in piazza Cavour insieme agli alunni della scuola media di Torre che hanno dato così il via al progetto di piantumazione. L’iniziativa, completamente finanziata da Ascotrade, rientra nel progetto ARIA, acronimo di Ascotrade Rispetta l’Ambiente, con cui l’azienda contribuisce all’abbattimento delle emissioni di CO₂, in linea con quanto previsto dalle direttive comunitarie sulla riduzione dell’impatto ambientale nei centri urbani.

«Abbiamo aperto un dialogo con l’Amministrazione Comunale di Pordenone che replicheremo con altri comuni del Veneto, dove nel 2018 pianteremo altri 4000 alberi – spiega Stefano Busolin, presidente di Ascotrade – Vogliamo presentarci per quello che siamo, ovvero un operatore che offre tariffe vantaggiose per la luce e il gas, ma anche un’azienda del territorio, che opera per il bene della comunità: i 1035 alberi che abbiamo donato al comune di Pordenone ne sono una testimonianza, perché formeranno aree verdi che saranno aperte a tutti i cittadini. Ascotrade è un’azienda commerciale che ha per soci 90 enti comunali, l’utile che produciamo con il nostro business viene redistribuito tra i comuni, che possono così reinvestirlo in opere pubbliche per la comunità». L’intero progetto di piantumazione degli alberi è stato realizzato in collaborazione con la società di consulenza ambientale AzzeroCO₂, che si occuperà anche della fase di preparazione e successiva manutenzione delle aree di forestazione urbana.

“Con questo primo progetto Ascotrade lancia con forza un messaggio di impegno concreto per la tutela dei territori in cui opera e si impegna in prima linea per migliorare la fruibilità di alcune aree attualmente poco valorizzate per restituirle ai cittadini.” Ha dichiarato Alessandro Vezzil, Sales & Marketing Manager di AzzeroCO2. “Grazie alla varietà e alla provenienza delle specie delle piantine messe a dimora verranno garantite la biodiversità e la specificità territoriale del bosco, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e con i piani di adattamento ai cambiamenti climatici”.

FONTE: TREVISO TODAY

 

Share